Cosa c’è di nuovo nella protezione cerebro cardiovascolare – Bari – 28 Febbraio 2015

0,00

Informazioni
Provider ECM: AV Eventi e Formazione
Crediti ECM: 5
Data:  28 Febbraio 2015
Location: Bari
Destinatari: Medici di Medicina Generale e specialisti in Cardiologia, Cardiochirurgia, Infermieri

Scarica la brochure

 

L’evento si propone di fornire ai partecipanti le novità scientifiche, attraverso i nuovi trial, sui valori target del colesterolo LDL da rispettare per la riduzione del rischio cerebro cardiovascolare in prevenzione primaria e secondaria con molecole singole o in associazione. L’indicazione alla terapia anticoagulante, con vecchi e nuovi farmaci, sarà discussa ai fini di un miglioramento della qualità di vita dei pazienti.

La maggiore efficacia, i minori rischi di sanguinamento con un’appropriata terapia antiaggregante o anticoagulante determinano riduzioni a lungo termine di spese assistenziali e previdenziali per inabilità motorie secondarie a complicanze cardioemboliche in corso di fibrillazione atriale o stroke. L’evento vuole dimostrare che la buona medicina è il risultato di competenze e umanizzazione delle cure che solo con una corretta gestione integrata medico infermiere può garantire.

Categoria:
Descrizione

Brochure-Cosa-c'è-di-nuovo-rev6-1Informazioni
Provider ECM: AV Eventi e Formazione
Crediti ECM: 5
Data:  28 Febbraio 2015
Location: Bari
Destinatari: Medici di Medicina Generale e specialisti in Cardiologia, Cardiochirurgia, Infermieri

Scarica la brochure

 

L’evento si propone di fornire ai partecipanti le novità scientifiche, attraverso i nuovi trial, sui valori target del colesterolo LDL da rispettare per la riduzione del rischio cerebro cardiovascolare in prevenzione primaria e secondaria con molecole singole o in associazione. L’indicazione alla terapia anticoagulante, con vecchi e nuovi farmaci, sarà discussa ai fini di un miglioramento della qualità di vita dei pazienti.

La maggiore efficacia, i minori rischi di sanguinamento con un’appropriata terapia antiaggregante o anticoagulante determinano riduzioni a lungo termine di spese assistenziali e previdenziali per inabilità motorie secondarie a complicanze cardioemboliche in corso di fibrillazione atriale o stroke. L’evento vuole dimostrare che la buona medicina è il risultato di competenze e umanizzazione delle cure che solo con una corretta gestione integrata medico infermiere può garantire.

0